Ciak Si Gira - Agenzia Viaggi - Rimini
viaggiviaggiVacanzeVacanzesposisposiContattiContatti
Ciak Si Gira - Agenzia Viaggi - Rimini

CIAK SI GIRA VIAGGI
Piazzale Caduti di Cefalonia, 15/A · Rimini
Tel. +39 054156084
info@ciaksigiraviaggi.com
www.ciaksigiraviaggi.com

VISITA GUIDATA A RAVENNA


LA CITTA' DEL MOSAICO


Ravenna è uno scrigno d’arte, di storia e di cultura di prima grandezza, è una città di origini antiche con un passato glorioso e fu tre volte capitale: dell’Impero Romano d’Occidente, di Teodorico Re dei Goti, dell’Impero di Bisanzio in Europa. Nelle basiliche e nei battisteri della città si conserva il più ricco patrimonio di mosaici dell’umanità risalente al V e al VI secolo (ne è privo solo il mausoleo di Teodorico) e otto monumenti di Ravenna sono inseriti nella lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Se Ravenna fu il maggiore centro politico e culturale dell’Occidente nei secoli che accompagnarono il declino della civiltà latina, nondimeno essa offre testimonianze anche di epoche più recenti: dall’archeologia della Domus dei Tappeti di Pietra al vasto porto romano di Classe. E’ la città che serba le spoglie di Dante Alighieri e ne mantiene viva la memoria con importanti manifestazioni culturali.
 
PROGRAMMA Visita con guida turistica:

MAUSOLEO DI TEODORICO: E' la più celebre costruzione funeraria degli Ostrogoti. Fu costruito verso il 520 da Teodorico il Grande come sua futura tomba. Il monumento di Ravenna è costruito in blocchi bianchi di pietra d’Istria con un enorme cupola che lo ricopre: un unico pezzo del peso di 300 tonnellate.

BASILICA DI SAN VITALE: Costruita nel VI secolo è fra i monumenti più importanti dell’arte paleocristiana in Italia. L’influenza orientale assume qui un ruolo dominante: non più la basilica a tre navate ma un nucleo centrale a pianta ottagonale sormontato da una grande cupola. In San Vitale lo sguardo è catturato dalle stupende decorazioni musive dell’abside e della straordinaria rappresentazione della coppia imperiale di Bisanzio, Giustiniano e Teodora con i loro cortei.

MAUSOLEO DI GALLA PLACIDIA: Fatto costruire dall’imperatrice romana Galla Placidia nel V sec. non fu quasi certamente utilizzato come tomba. L’interno è ricco di mosaici e la sua cupola è una miriade di stelle immerse nel blu cobalto del cielo. L’esterno del mausoleo, al contrario, è semplice mattone.

PIAZZA DEL POPOLO: La "piazza", posto unico e centro vero, dove l'armonia degli spazi e degli edifici si sposa con l'armonia dell'incontro, è il cuore della città e fu ricavata nel XIII secolo. Fino al 1483 era solo un terreno erboso e fu durante la dominazione di Venezia che fu ampliata e pavimentata.

CHIESA DI SAN FRANCESCO: Fu ricostruita nel X-XI secolo sopra un precedente edificio dedicato agli Apostoli e poi a San Pietro. In questa chiesa fu svolta la cerimonia funebre di Dante Alighieri nel 1321. La cripta del X secolo, trovandosi sotto il livello del è invasa dall’acqua come fosse una piccola piscina, dove nuotano anche diversi pesci rossi creando un bellissimo effetto suggestivo.

TOMBA DI DANTE ALIGHIERI E MUSEO DANTESCO: La tomba conserva i resti del poeta ed è opera dell’architetto Camillo Morigia (1780. Al suo interno brilla una luce di una piccola lampada votiva, il cui olio è offerto dal comune di Firenze durante una cerimonia che si svolge ogni anno nell’anniversario della morte del poeta avvenuta il 13 settembre 1321. A pochi passi, all’interno del Centro Dantesco dei Frati Minori, nella suggestiva cornice degli Antichi Chiostri Francescani, è possibile visitare attraverso diversi percorsi tematico il museo Dantesco.

BATTISTERO DEGLI ARIANI: Costruito verso la fine del V secolo, quando Teodorico regnava e l’arianesimo era la religione ufficiale di corte. Nella cupola è conservato un bel mosaico che rappresenta il battesimo di Cristo e i dodici apostoli. Secondo la dottrina ariana Cristo era figlio di Dio ma aveva conservato la sua natura umana.

BASILICA DI S. APOLLINARE NUOVO: Fondata nel VI secolo, in origine fu la chiesa palatina di Teodorico. I meravigliosi mosaici dell’interno costituiscono la più vasta superficie musiva che sia giunta a noi dall’antichità. Le teorie delle vergini e dei martiri sono una dei più tipici esempi dello stile bizantino. Celeberrimi sono i mosaici del palatium, del porto di Classe e della processione dei Re Magi.

BATTISTERO NEONIANO: (detto anche Degli Ortodossi): E' il più antico dei monumenti dei Ravennati. La sua architettura risale alla fine del IV secolo mentre le decorazioni interne furono fatte realizzare all’inizio del V secolo dal Vescovo Neone con Mosaici di brillanti colori che mostrano il battesimo del Cristo nel fiume Giordano.

MUSEO ARCIVESCOVILE: Organizzato al primo e secondo piano dell’Arcivescovado, accoglie numerose opere d’arte provenienti dall’antica cattedrale e da altre costruzioni ora distrutte. Vi si conserva la famosissima cattedra di Massimiano, una delle maggiori sculture in avorio di tutti i tempi, opera di artisti Bizantini del secolo IV. Il museo contiene la cappella di S. Andrea, uni degli 8 monumenti Unesco della città di Ravenna.

CAPPELLA DI SANT’ANDREA: Costruita come oratorio privato dal vescovo Pietro II, durante il regno dei Goti, presenta un’iconografia musiva di grande interesse: la glorificazione di Cristo, la cui presenza domina ogni parte mosaicata, può essere interpretata come elemento di militanza antiariana. Di grande suggestione è la decorazione della volta del vestibolo dove in un cielo dorato si proiettano le figure di ben 99 specie di uccelli.

BASILICA DI S. APOLLINARE IN CLASSE: Edificata durante la metà del VI secolo, è una delle basiliche più perfette di Ravenna. La basilica è famosa per i suoi splendidi mosaici dell’abside e per i sarcofagi marmorei degli antichi arcivescovi. L’imponente basilica fu eretta sulle rive dell’adriatico ma oggi si trova immersa nella campagna alle porte di Ravenna, accanto alla grande area archeologica dell’antico porto d’epoca Romana di Classe.
 
Torna alla lista Richiedi Preventivo